Commissione Locale per il Paesaggio

…PAGINA IN COSTRUZIONE…

L’Unione Montana del Pinerolese gestisce in forma associata le funzioni di tutela paesaggistica, acquisendo il parere della Commissioni Locali per il Paesaggio, costituita presso l’Ente. La Commissione Locale per il Paesaggio, istituita ai sensi della L.R. 32/08, esprime i pareri previsti:

  • dall’art. 148, comma 3, del Codice dei beni culturali e del paesaggio
  • dall’art. 49, comma 15, della L.R. 56/77 e s.m.i. (aree ed immobili definiti di interesse storico artistico dai piani regolatori).

Alla Commissione Locale per il Paesaggio dell’Unione del Pinerolese (nominata dalla Giunta dell’Unione Montana con deliberazione n. 29 del 27/07/2017 ai sensi dell’art. 4 della L.R. 32/2008), hanno aderito i Comuni di:  Prarostino, Roletto e San Pietro Val Lemina.

La Commissione locale per il paesaggio, è così costituita:

  • arch. Sabrina Giusiano
  • arch. Paolo Genero
  • dott. for. Paolo Clapier

NOVITA’ introdotte dal D.P.R. n. 31 del 13 febbraio 2017. (G.U. n.68 del 22/03/2017)

Individuazione degli interventi esclusi dall’autorizzazione paesaggistica o sottoposti a procedura autorizzatoria semplificata. Entrata in vigore del provvedimento 06/04/2017

Allegato A  – Interventi ed opere in aree vincolate esclusi dall’autorizzazione paesaggistica

Allegato B –  Elenco interventi di lieve entita’ soggetti a procedimento autorizzatorio semplificato

 

ALCUNI SUGGERIMENTI PER LA CORRETTA PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE

In particolare la Commissione locale per il paesaggio ritiene indispensabile, al fine dell’espressione del parere, la completa ed esauriente trattazione dei seguenti punti della relazione paesaggistica:

  • n. 8 – Ubicazione dell’opera e/o dell’intervento: gli allegati prescritti devono dimostrare l’effettiva sussistenza del vincolo indicando, ad esempio, la distanza dai corsi d’acqua, la presenza di aree boscate, la quota sul livello del mare;
  • n. 9 – Documentazione fotografica: oltre alla vista di dettaglio devono obbligatoriamente essere prodotte viste panoramiche del contesto come esplicitamente previsto dal modello di relazione;
  • n. 12 – Descrizione sintetica dell’intervento e delle caratteristiche dell’opera;

Si sottolinea inoltre che l’intervento deve essere localizzato anche su base cartografica in scala 1/10.000 (Carta Tecnica Regionale) e che la documentazione fotografica deve essere accompagnata da idonea planimetria recante i punti di presa fotografici.

Nel caso in cui gli interventi non siano valutabili con relazione semplificata è necessaria la redazione della “Relazione paesaggistica”, prevista dal DPCM 12/12/2005.

scarica la TRACCIA PER UNA RELAZIONE PAESAGGISTICA COMPLETA

L’insufficiente livello delle informazioni sopra riportate comporta l’immediata richiesta di integrazioni da parte dell’Ufficio, con inevitabile allungamento dei tempi, il cui rispetto è ritenuto fondamentale impegno della Commissione e del funzionario responsabile.

La struttura che si occupa delle funzioni paesaggistiche è a disposizione per informazioni e chiarimenti, dott. arch. Raffaella Prot tel. 0121-520028.